Ai giardini interni dell'Antoniano tornano i "Laboratori Migranti"

locandina artemigranti

Da martedì 15 settembre riparte il progetto di Antoniano Onlus e Arte Migrante rivolto ai cittadini in difficoltà

Inglese, yoga, italiano per stranieri, orto sinergico, chitarra e danze africane: sono questi i nuovi corsi di "Laboratori Migranti", la proposta didattica ideata da Antoniano Onlus di Bologna in collaborazione con il gruppo Arte Migrante Bologna. Le lezioni sono gratuite e aperte a tutta la cittadinanza, non solo a senza dimora, migranti e persone che in generale si trovano in una situazione di disagio.

I corsi, a numero chiuso in ottemperanza alle normative relative all'emergenza Covid-19, si terranno presso il Giardino interno dell'Antoniano, in via Guinizelli 13 a Bologna. Il programma prevede: inglese di base e avanzato (martedì e venerdì, rispettivamente dalle 16 alle 17 e dalle 17 alle 18), yoga (lunedì dalle 15 alle 16 e giovedì dalle 11 alle 12), italiano per stranieri (martedì e venerdì dalle 14 alle 16), orto sinergico (venerdì dalle 15 alle 16 e 30) e chitarra (venerdì dalle 16 alle 17). Ci sarà anche una novità: il laboratorio di danze dell'Africa dellìOvest "Amanda Imani" che si terrà il martedì dalle ore 16 alle 17.

L'obiettivo dei laboratori è di valorizzare le capacità di ciascun e favorire lo sviluppo di autostima negli allievi grazie alla quale essi possano mettersi in gioco e affrontare più facilmente un percorso di autonomia. 

Per adesioni contattare i numeri 0513940262, 3281226037 o scrivere una mail a laboratori@antoniano.it

Scarica allegati

Tags: FIOPSD, Immigrazione e integrazione, Povertà e inclusione sociale, Bologna

Lascia un commento