Bando per il Servizio Civile Universale 2023, in Emilia-Romagna 3700 posti

servizio_civile_universale_1

Mai così tante disponibilità in Regione, a cinquant'anni dall'approvazione della legge sull'obiezione di coscienza. Taruffi: “Pace valore universale da difendere ora più che mai”

Il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale ha pubblicato il nuovo bando per la selezione di 71.550 operatori volontari da impiegare in progetti afferenti a programmi di intervento di Servizio civile universale da realizzarsi in Italia e all’estero.

Da quando il Servizio Civile si può scegliere volontariamente, non sono mai stati così tanti i posti disponibili, sia a livello nazionale, sia per l'Emilia-Romagna, che quest'anno ne può infatti contare ben 3700. Si tratta di un record, proprio mentre ricorre l'anniversario dei 50 anni dall'approvazione della legge 772, la prima sull'obiezione di coscienza e l'istituzione del servizio civile (15 dicembre 1972).

Il bando è rivolto ragazzi e ragazze di nazionalità italiana o straniera dai 18 ai 28 anni, che potranno presentare domanda a uno degli oltre 3000 progetti previsti tra il 2023 e il 2024, su tutto il territorio regionale, nazionale e all’estero. I progetti hanno una durata tra 8 e 12 mesi, con un orario di servizio pari a 25 ore settimanali oppure con un monte ore annuo che varia, in maniera commisurata, tra le 1.145 ore per i progetti di 12 mesi e le 765 ore per i progetti di 8 mesi, articolato su cinque o sei giorni a settimana.

Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it. Le domande di partecipazione devono essere presentate entro e non oltre le ore 14.00 del 10 febbraio 2023.

“La nostra Costituzione - ha commentato l'Assessore regionale al Welfare e Politiche giovanili, Igor Taruffi - ci ricorda che l’Italia ripudia la guerra e il servizio civile rappresenta una concreta attuazione di questo principio. La Regione Emilia-Romagna è sempre stata in prima linea nel sostegno del servizio: siamo stati tra i pionieri nel coinvolgere le ragazze prima e i giovani di altri Paesi poi, anticipando le scelte del Governo nazionale. La pace è un valore universale quanto mai attuale - conclude Taruffi - e oltre 3.700 ragazze e ragazzi avranno modo di testimoniarlo rispondendo con entusiasmo al bando per il 2023 che sta per uscire”.

Un ruolo importante sarà svolto dai Coordinamenti Provinciali degli Enti di Servizio Civile (Co.Pr.E.S.C.), previsti dalla legge regionale 20 del 2003 per sostenere la proposta di servizio civile con iniziative di sensibilizzazione e formazione.

Per info: https://www.politichegiovanili.gov.it/comunicazione/avvisi-e-bandi/servizio-civile/bandi-di-selezione-volontari/2022_bando_ordinaro/

Tags: Volontariato, Infanzia e giovani, Politiche sociali, Emilia Romagna

Lascia un commento