Le associazioni in Sala Borsa per Bologna si prende cura

welfaretregiorni

Appuntamento a Bologna dal 28 febbraio al 2 marzo

Bologna si prende cura. I tre giorni del welfare è il titolo della manifestazione promossa dal Comune di Bologna in collaborazione con l’Azienda USL di Bologna chedal 28 febbraio al 2 marzo coinvolgerà vari luoghi della città per presentare i percorsi del welfare bolognese, ampiamente riconosciuto - in Europa e non solo - come modello di sviluppo e convivenza civile al quale ispirarsi.

È infatti dalla stretta e sempre più proficua collaborazione tra l’Amministrazione, gli altri soggetti del settore pubblico, del privato e del privato sociale che nascono e maturano ogni giorno le riflessioni, le idee e le azioni concrete pensate per migliorare e innovare costantemente il sistema di welfare della nostra comunità.

Il ricco programma prevede convegni di respiro internazionale, workshop, mostre, esposizioni e passeggiate nei quartieri della città. | Consulta il programma>>

Le associazioni saranno protagoniste di questa rassegna del welfare bolognese con uno spazio informativo ed espositivo in Sala Borsa curato da VOLABO che si chiamerà Gli elementi  fondamentali della solidarietà. Associazioni e welfare a Bologna. Sarà aperto al pubblico giovedì 28 febbraio dalle 14 alle 18, venerdì 1 marzo dalle 10 alle 18 e sabato 2 marzo dalle 10 alle 13.30.

"La presenza delle associazioni in Sala Borsa - spiega Giuliano Barigazzi, Assessore a Sanità e Welfare del Comune di Bologna - è certamente un riconoscimento del loro lavoro. D’altronde, come ho sempre detto, il welfare del futuro o è un welfare di comunità o non è. Le associazioni sono un pezzo fondamentale nella costruzione dei sistemi di welfare, soprattutto del welfare che ci attende, che deve fronteggiare molti cambiamenti, perché sono spesso capaci di intercettare i nuovi bisogni proprio sul nascere, e hanno la capacità di riportarli e ri-tradurli a noi amministratori da un punto di vista del cittadino, dunque non istituzionale. Ci sembrava doveroso dare loro un luogo centrale in città proprio per sottolinearne l’importanza, il valore e la centralità e per invitarle, come stanno già facendo, ad essere insieme a noi istituzioni, un sistema ‘pubblico’ nella sua accezione più larga".

Nelle tre giornate, a rotazione, oltre 90 associazioni accoglieranno i visitatori di Sala Borsa e presenteranno loro le proprie attività in modo inedito, dando ai cittadini un assaggio del grande capitale umano e sociale che il non profit locale offre al sistema di welfare.

"Tra le associazioni - spiega il presidente di A.S.Vo. O.D.V. Giancarlo Funaioli - è emersa la necessità di parlare di volontariato in un modo del tutto nuovo e libero dai luoghi comuni, che possa finalmente rappresentarci in maniera autentica e spontanea. Quando si parla di solidarietà nella gente si attivano immediatamente immagini pesanti e tristi e sentimenti buonisti e pietosi che nella realtà non ci rappresentano affatto. I problemi, le malattia, difficoltà economiche, la solitudine, più o meno direttamente, fanno parte dell’esperienza di vita di tutti così come la solidarietà, l’accoglienza, la comunicazione, l’aiuto e l’apertura agli altri sono il modo che tutti scelgono naturalmente per ricominciare a vivere bene".

Dall’ascolto di questo bisogno è nata l’idea della campagna di comunicazione Gli elementi fondamentali della solidarietà, una sorta di grande metafora che associa gli elementi fondamentali della vita FUOCO, ARIA, ACQUA, TERRA a quattro parole chiave che descrivono il concetto di solidarietà: DIFFERENZE, RELAZIONI, CAMBIAMENTO, DIRITTI. | Locandina>>

24 stand informativi delle associazioni saranno disposti in quattro aree, una per ogni elemento fondamentale della solidarietà. I teatranti di Saltimbanco e alcuni volontari condurranno le persone interessate lungo un percorso che permetterà di scoprire una narrazione diversa della solidarietà bolognese e del suo modo di dare linfa vitale al welfare. Scopri quali saranno le associazioni presenti>> Il FUOCO è l’elemento che rappresenta le DIFFERENZE: qualcosa da riconoscere e valorizzare, di cui occorre sapere prendersi cura per una comunità serena, accogliente ed evoluta. L’ACQUA è il CAMBIAMENTO nelle situazioni di difficoltà e abbandono, fonte di rigenerazione possibile grazie al contributo di tutti per un bene comune. L’elemento ARIA sono le RELAZIONI che, come l’ossigeno, sono indispensabili per il benessere di ogni persona, per sentirsi parte di qualcosa di importante. Infine la TERRA sono i DIRITTI delle persone che devono avere radici profonde e solide per nutrire la comunità. Un punto video offrirà la possibilità di vedere lo spot promozionale e le interviste alle associazioni sugli elementi fondamentali della solidarietà. I più curiosi, infine, su prenotazione, potranno anche ascoltare le storie proposte dai libri della Biblioteca dei Libri Viventi: persone che si raccontano, condividendo frammenti della loro vita in un gioco di relazione con chi avrà il piacere di leggerli.

Le diverse realtà che saranno presenti in Sala Borsa offriranno una bella fotografia del variegato panorama del non profit bolognese che quotidianamente si impegna a portare avanti progetti e attività in vari campi d’interesse per la comunità: si va dall’ambito socio-sanitario, alla tutela dei diritti, dall’animazione e la promozione culturale, alla tutela dell’ambiente e degli animali. L’Assessore, nelle sue parole, ribadisce l’importanza di far conoscere alla città il ruolo delle associazioni nel determinare la qualità del nostro sistema di welfare "Quando dico che il nuovo welfare deve essere sempre più integrazione di politiche non penso solo alle politiche più tradizionalmente  al welfare, quindi l’abitazione, la casa, i servizi sociali e socio-sanitari, ma anche alle politiche culturali, sportive e urbanistiche. Il welfare deve essere una sorta di filo conduttore delle politiche. Parlare di welfare significa ripensare tutte le politiche a partire da quelle urbanistiche fino ad arrivare a quelle più tradizionali, attraverso l’ottica del benessere  della comunità e del prendersi cura delle persone, significa pensare a quali azioni, quali strumenti e quali opportunità possiamo offrire perché i progetti di vita delle persone possano realizzarsi e la loro autonomia personale, che può essere in alcuni momenti messa in discussione, possa ricominciare. Il ruolo delle associazioni diventa davvero quello di coadiuvare - e non di sostituire naturalmente – l’intervento pubblico cercando proprio di  costruire quelle reti sociali che sono formali e informali.Mi aspetto che prendiamo coscienza di quanto capitale sociale c’è a Bologna, di quanta forza possiamo avere se diventiamo sistema e se abbiamo la pazienza di tracciare i legami fra di noi. E quindi mi aspetto la presa di coscienza del nostro essere comunità e di quanto possiamo fare insieme. E mi aspetto la condivisione di un patrimonio di idee e forse anche di pezzi di futuro che potremmo cominciare dopo a tradurre davvero in politiche concrete. Credo che questo sia uno degli elementi più preziosi che potremmo ricavare da questa manifestazione e questo sforzo che stiamo facendo tutti assieme".

Per informazioni su Gli elementi fondamentali della solidarietà:
VOLABO | 051.340328 | 345.5507984 | eventi@volabo.it

Lascia un commento