NeverMoreFreezing: la call per video dedicata alla Giornata Mondiale del Rifugiato

girl-982119_1280

Un concorso per video musicali e performativi sul tema dell’accoglienza e dell’attesa. I video vincitori riceveranno 500 euro e saranno riprodotti durante l’evento in streaming del 20 giugno

Sarà un’iniziativa alternativa, quella con cui la città di Bologna celebrerà la Giornata Mondiale del Rifugiato il prossimo 20 giugno, una soluzione dettata dalla necessità. Non potendosi svolgere fisicamente nessun tipo di manifestazione, in seguito alle nuove regole che l’emergenza Covid-19 ha imposto riguardo agli assembramenti, il Comune di Bologna e Asp Città di Bologna in collaborazione con BolognaCares!, i gestori del Progetto SPRAR-SIPROIMI, i Comuni aderenti al progetto, Città metropolitana e Caritas, hanno pensato di lanciare il contest NeverMoreFreezing. Si tratta di una chiamata agli artisti per la realizzazione di video musicali e performativi sul tema dell’accoglienza e dell’attesa, che saranno presentati durante una diretta streaming. 

Come appena accennato il tema centrale del contest sarà l’attesa. L’emergenza Coronavirus ha portato infatti molte donne e molti uomini a sperimentare, forse per la prima volta, uno stato di freezing, di congelamento e di attesa. Un presente congelato che assomiglia molto a quello che vivono ogni giorno tanti richiedenti asilo, titolari di protezione internazionale e rifugiati, che una volta arrivati in Italia sostano, per un tempo spesso indefinito, nei progetti di accoglienza e integrazione dei territori. Donne e uomini che, prima di poter essere nuovamente artefici del loro futuro, vivono lunghe attese, spesso accompagnate da una sensazione di impotenza, esilio ed emarginazione. Il concorso intende, quindi, raccogliere proposte artistiche che sappiano cogliere questo messaggio e far vivere il senso di attesa, l’impressione di esilio, ma anche la speranza e il desiderio di rinascita.
La call è aperta a tutti gli artisti, anche emergenti, dai 16 anni in su, che possono partecipare inviando video musicali, di teatro, danza e spettacolo, della durata compresa tra i 3 e i 10 minuti. La partecipazione è gratuita.

I cinque video che avranno la capacità di cogliere più pienamente il tema della call riceveranno un contributo di 500 euro e saranno riprodotti durante l’evento in streaming del 20 giugno.
I vincitori saranno selezionati da una giuria composta da: Loris Lepri, Comune di Bologna Settore Cultura; Marco Marano, Asp Città di Bologna Protezioni Internazionali; Elena Monicelli, Rete Anti Discriminazione metropolitana; Marco Pigniatello, Arci Bologna; Antonella Ciccarelli, Cooperativa CIDAS e due persone accolte e sostenute dai progetti di accoglienza e integrazione nel territorio di Bologna.
I nomi degli artisti selezionati saranno comunicati entro il 14 giugno nei canali di comunicazione di BolognaCares!: www.bolognacares.it – www.facebook.com/Bolognacares.

Per iscriversi compilare il form d’iscrizione e inviare, entro e non oltre le ore 24 del 7 giugno, i video a ventigiugno2020@cidas.coop.

Per maggiori informazioni:
www.bolognacares.it – ventigiugno2020@cidas.coop



Tags: Immigrazione e integrazione, Bologna

Lascia un commento