Richiedenti asilo e sport: un nuovo progetto della Uisp di Parma

uisp-parma

La sperimentazione prende le mosse dagli obiettivi della Legge Regionale n. 8/2017, per la promozione di attività che tutelino salute fisica e psichica dei cittadini

Cerco un centro… di accoglienza che… E' questo il titolo di un nuovo progetto promosso dalla Uisp di Parma e presentato nei giorni scorsi.
Partita nel mese di febbraio l'iniziativa coinvolge 45 ospiti dei Centri di Accoglienza Straordinari (CAS),divisi in 3 gruppi all'interno di due distretti della Provincia di Parma (Parma, Valli Taro e Ceno). Questa sperimentazione prende le mosse dagli obiettivi della Legge Regionale n. 8/2017, per la promozione di attività che tutelino salute fisica e psichica dei cittadini. Le discipline motorierappresentano molto più di un sano passatempo: sono una straordinaria occasione per promuovere integrità e buone relazioni tra esseri umani. Si parte quindi dalla formazione dei soggetti, per 116 ore complessive, al fine di insegnare loro alcuni aspetti delle scienze motorie e competenze educative.

"L'attività sportiva – spiega Fabio Cola, psicologo formatore ed ideatore del progetto –facilita i processi relazionali ed aiuta a conoscersi. Alcuni dei ragazzi che stanno seguendo il corso si sono spinti ad affermare che, per la prima volta da quando sono in Italia, qualcuno si è preso cura di loro chiedendo come stessero, chi fossero, quali fossero le loro origini e la loro storia".

Dunque si punta a formare persone consapevoli, in grado di svolgere compiti di cittadinanza attiva. In seguito a questo percorso verrà loro proposto il coinvolgimento in forma volontaria nelle manifestazioni nazionali quali Vivicittà Bicincittà, ed un coinvolgimento retribuito in attività ludiche, sportive ed educative organizzate da Uisp Parma, quali per esempio i Centri Estivi nei Comuni di Parma e Collecchio. Sarà anche incentivato lo sviluppo di una squadra di calcioformata dagli ospiti dei Cas e preparata dai tecnici educatori, che parteciperà al Torneo antirazzista Matteo Bagnaresi realizzato da Uisp a Vigheffio (Collecchio).

In futuro altre collaborazioni potranno nascere e proseguire secondo le reciproche volontà; ad ogni modo, questi stranieri espatriati porteranno con loro una testimonianza importante del clima sportivo e culturale italiano.

Tags: UISP, Parma

Lascia un commento