Incanti Delcesi, la nuova cooperativa di comunità nata a Casteldelci

Incanti Delcesi 1

Costituita grazie al supporto di Confcooperative Romagna, la nuova realtà ha l’obiettivo di valorizzare il territorio di Casteldelci e combattere lo spopolamento

Lo scorso venerdì 14 maggio, a Casteldelci, comune romagnolo in provincia di Rimini, è stato firmato, davanti a un notaio, l'atto di costituzione della nuova cooperativa di comunità Incanti Delcesi. Si tratta di una realtà sociale nata grazie al supporto di Confcooperative Romagna, alla collaborazione dell’associazione Figli del Mondo con Appennino l’hub e all’appoggio di RivieraBanca.

L'intento che spinge i fondatori di Incanti Delcesi è quello di valorizzare il territorio di Casteldelci e combattere lo spopolamento che ha caratterizzato per anni l’entroterra romagnolo. Un impegno portato avanti già da due anni, dalle associazioni partner di Incanti, Figli del mondo e Appennino Hub, per promuovere un modello di impresa capace di sostenere i paesi e le zone appenniniche. "Con Casteldelci - sottolinea infatti Roberto Brolli, referente Cooperative di Comunità per Confcooperative Romagna - abbiamo aggiunto un nuovo tassello a questo macro progetto che sta dando buoni risultati [...]. Come Confcooperative Romagna continueremo a supportare e promuovere questo genere di esperienze in grado di ridare vita e futuro a territori a volte un po’ dimenticati".

L'idea alla base di questa nuova cooperativa, formata da 25 soci, ha preso il via lo scorso anno, grazie all'iniziativa di alcuni cittadini Delcesi che hanno pensato di "dare nuova vita a un’area verde del comune, ripulendola e attrezzandola in maniera del tutto volontaria", racconta Andrea Zanzini dell’associazione Figli del Mondo. "È nato così - continua Zanarini - l’Eco Park che nei mesi estivi del 2020 è diventato subito un luogo di aggregazione per i cittadini, soprattutto giovani, e per i turisti del luogo, arrivando a contare circa 15mila presenze". Adesso uno dei primissimi obiettivi di Incanti Delcesi è proprio quello di prendere in gestione l’Eco Park per proporre iniziative e organizzare nuove attività.

La cooperativa può contare anche sull'appoggio dell'amministrazione comunale di Casteldelci. "Contiamo di collaborare in maniera proficua con la Incanti Delcesi - ha infatti dichiarato il sindaco Fabiano Tonielli - al fine di sviluppare forme sostenibili di turismo per rivitalizzare il nostro paese e dare opportunità di lavoro alle nuove generazioni. Cominceremo con l’affidamento della gestione dell’Eco Park, ma speriamo di poter presto lavorare anche su forme ricettive, mettendo a disposizione della cooperativa il vecchio ostello e alcuni appartamenti".

I soci hanno eletto come presidente della cooperativa Michele Catorcini che ha dichiarato di essere molto orgoglioso della fiducia riposta in lui. "Insieme a tutti i soci - ha dichiarato il neo presidente - ci impegneremo per valorizzare il territorio di Casteldelci. In sinergia con l’amministrazione comunale proseguiremo il grande lavoro iniziato lo scorso anno dai volontari sull’Eco Park, cercando di farlo diventare la “porta di accesso” per turisti e visitatori delle eccellenze naturalistiche, storiche e culturali. Successivamente lavoreremo per mettere in rete le strutture ricettive del territorio presenti e future e per dare al visitatore un ventaglio di opportunità completo per il suo soggiorno. Tra i progetti che intendiamo implementare ci sono la creazione di percorsi naturalistici, di nuove aree nell’Eco Park, il potenziamento del servizio noleggio E-Bike ed in generale tutte le attività che possano servire a migliorare la fruizione in sicurezza degli spazi del nostro bellissimo territorio".

Tags: Federsolidarietà, Cooperazione sociale, Emilia Romagna

Lascia un commento