Ucraina: Cittadinanzattiva Emilia Romagna mette a disposizione i propri sportelli in sostegno della popolazione

Senza nome

Consulenze dirette ai cittadini, dall'orientamento su informazioni e istituzioni, alla ricerca del lavoro e alle modalità di ricongiungimento familiare

Cittadinanzattiva Emilia Romagna ha messo a disposizione il suo Sportello Stranieri per dare supporto ai cittadini Ucraini, in seguito all'invasione del loro Paese da parte dell'esercito russo.

Tramite questo servizio è possibile ottenere una consulenza diretta - da parte degli attivisti di origine Ucraina che aderiscono a Cittadinanzattiva Emilia Romagna - su temi molto importanti come la verifica delle informazioni ricevute, l'orientamento verso le istituzioni, la ricerca della lavoro e la costruzione del curriculum, fino alla modalità di ricongiungimento familiare.

Oltre allo Sportello, Cittadinanzattiva Emilia Romagna ha reso aperto sui suoi siti www.cittadinanzattiva-er.it/ e https://sportelli.cittadinanzattiva-er.it/, una finestra continuamente aggiornata con informazioni utili per le persone che hanno bisogno di aiuto e per quelle che vogliono dare aiuto.

L'impegno di Cittadinanzattiva Emilia Romagna continua poi con l'adesione a svariate iniziative contro il conflitto in Ucraina, come la Tavola della Pace per fermare la guerra, firmando e facendo firmare l’appello e all’iniziativa della rivista Vita per aprire tavoli di dialogo in ogni città per non far vincere la guerra. Parallelamente, il movimento di partecipazione civica, aderisce alle raccolte fondi attivate, in particolare dalla Regione Emilia Romagna, dalla CRI e UNHCR, dalla Caritas, e dalla Comunità di Sant'Egidio.

Per accedere allo Sportello Stranieri occorre contattare il numero 3737546056 o scrivere a sportellostranieri@cittadinanzattiva-er.it.

Per avere informazioni sulle raccolte fondi delle varie Organizzazioni impegnate contro la guerra in Ucraina: www.cittadinanzattiva-er.it/le-raccolte-fondi-per-lemergenza-ucraina/

Tags: CittadinanzAttiva, Immigrazione e integrazione, Emilia Romagna

Lascia un commento