Terzo Settore e Pubblica Amministrazione: una ricerca sul rapporto tra privato sociale ed enti pubblici

questionario

Il Forum Nazionale Terzo Settore invita alla compilazione del questionario sull'amministrazione condivisa

Il Codice del Terzo Settore ha introdotto con l’articolo 55 importanti evoluzioni nel rapporto tra ETS e Enti Pubblici, aprendo le porte alla Amministrazione condivisa. Si tratta di un passo importante verso un ulteriore e maggiore protagonismo degli ETS, coinvolti dagli enti pubblici non solo nel realizzare le politiche pubbliche, ma anche nel collaborare alla loro programmazione e progettazione.

In questi anni hanno preso il via diverse esperienze di amministrazione condivisa (oltre mille, da un primo censimento) che si aggiungono agli storici rapporti (es. piani di zona, convenzioni, etc.) già in essere tra ETS e PPAA.

L’Agenzia per la Coesione Territoriale ha avviato, in collaborazione con il Forum Nazionale Terzo Settore, un primo progetto di ricerca di respiro nazionale su “Terzo Settore e Pubblica Amministrazione: analisi quali-quantitativa del rapporto tra privato sociale ed enti pubblici”, che mira a indagare le relazioni PPAA – ETS, con un particolare focus relativo alle esperienze, laddove presenti, di amministrazione condivisa.

Si tratta di una indagine tesa ad acquisire in modo sistematico ed esteso a tutta l’Italia informazioni utili per la implementazione della amministrazione condivisa, anche in vista di migliori sinergie tra PPAA e ETS. Per questo il Forum Terzo Settore invita le organizzazione alla compilazione di un questionario e alla sua diffusione presso gli enti della propria rete. Il Forum prevede inoltre la possibilità, al termine del questionario, di dare la disponibilità per una intervista per ulteriori approfondimenti e per far sentire la propria voce.

I termini per la raccolta dei questionari scadono il 15 marzo 2024.

Compila il questionario >>

Indicazioni per la compilazione del questionario >>

Tags: Terzo settore, Progettazione, Politiche sociali, Territorio nazionale

Lascia un commento